Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La durata massima delle indennità per lavoro ridotto passerà da 12 a 18 mesi. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale per concedere più tempo alle imprese che subiscono gli effetti negativi del franco forte di adattarsi alla nuova situazione di mercato.

La modifica dell'ordinanza scatterà il primo febbraio e rimarrà in vigore fino al 31 luglio 2017.

Finora le aziende potevano chiedere l'indennità per lavoro ridotto per 12 mesi al massimo sull'arco di due anni. Dal febbraio la durata massima salirà a 18 mesi. "Questa possibilità va a beneficio sia dei dipendenti, che rimangono in azienda e sono assicurati, sia delle imprese, che in tal modo non perdono le competenze del loro personale", precisa un comunicato della Segreteria di Stato dell'economia (SECO).

Il lavoro ridotto è un mezzo per evitare licenziamenti affrettati. Quest'anno il tasso di disoccupazione dovrebbe attestarsi al 3,6%, ben al di sopra della media svizzera sul lungo termine. Prorogare la durata di percezione dell'indennità per lavoro ridotto e di diminuire il periodo di attesa, da due o tre giorni a un giorno soltanto, permetterà di evitare un ulteriore incremento dei senza lavoro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS