Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un distaccamento militare deve continuare a proteggere l'ambasciata svizzera a Tripoli. Il Consiglio federale chiede al parlamento di prolungare l'impegno delle forze armate elvetiche dal febbraio del 2014 al gennaio del 2016. I costi dell'operazione, esclusi i salari dei soldati, sono stimati in 1,935 milioni di franchi, a carico del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). La proposta è stata pubblicata oggi sul "Foglio federale".

Un distaccamento dell'esercito e uno della polizia militare sono presenti nella capitale libica dalla metà di gennaio del 2012. L'impegno, giudicato molto positivo dal governo, è stato prolungato a più riprese.

Il Consiglio federale ritiene necessario mantenere un'ambasciata a Tripoli. Visto il ruolo svolto dalla Libia e la sua funzione di ponte fra Nordafrica ed Europa, la Svizzera ha interesse a partecipare attivamente al processo di stabilizzazione sviluppando relazioni diplomatiche ed economiche, rileva l'esecutivo.

La situazione resta tuttavia tesa in Libia, basti pensare all'assassinio dell'ambasciatore statunitense a Bengasi nel settembre del 2012, all'attentato all'ambasciata di Francia e a un certo numero di aggressioni contro rappresentanze diplomatiche.

Il personale elvetico non è stato vittima di attacchi, ma le forze di sicurezza hanno dovuto sgomberare l'ambasciata a più riprese per evitare che il personale fosse messo in pericolo, ricorda il Consiglio federale, senza precisare quanti militari svizzeri sono impegnati in Libia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS