Navigation

CF: Anne Lévy sarà nuova direttrice UFSP da ottobre

Anne Lévy, nominata oggi dal governo a capo dell'UFSP. KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 aprile 2020 - 14:27
(Keystone-ATS)

Il Consiglio federale nella sua seduta odierna ha nominato Anne Lévy alla direzione dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP): succederà dal prossimo ottobre a Pascal Strupler.

Rivolgendosi alla stampa di Palazzo federale, il ministro dell'interno Alain Berset ha indicato che Anne Lévy è la persona giusta per questo incarico: conosce bene i dossier e vanta un'esperienza di lunga data nell'ambito della salute pubblica.

Berset ha detto che la sostituta di Strupler entrerà in funzione in un momento decisamente particolare. Ciò, ha aggiunto, non costituirà tuttavia un problema: l'ufficio lavora bene, ha un sistema che funziona e anche la collaborazione tra tutti gli attori coinvolti è eccellente.

Berset ha colto l'occasione per ringraziare Strupler per l'ottimo lavoro svolto in tutti questi anni - aveva assunto la direzione dell'UFSP nel gennaio 2010 - e soprattutto per quanto fatto in questo momento di crisi.

Rispondendo a una domanda della stampa, Berset ha rilevato che sì, ci si trova in una situazione particolare in cui una pandemia coincide con un cambiamento ai vertici dell'UFSP. Il ministro dell'interno faceva riferimento alla sostituzione di Strupler ma anche al recentissimo pensionamento di Daniel Koch, fino a pochi giorni fa capo della Divisione malattie trasmissibili e ora delegato dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) per il Covid-19.

Il consigliere federale ha sottolineato che fortunatamente le autorità elvetiche hanno un'organizzazione molto stabile che consente anche di far fronte agli imprevisti. In questa situazione la Svizzera vive e deve continuare a vivere e può succedere che qualcuno arrivi al momento della pensione o che ci sia un cambio ai vertici già annunciato in precedenza. Il fatto di avere una buona organizzazione "ci consente di compiere questi passi con una certa tranquillità".

Dal canto suo Anne Lévy ha affermato di essere consapevole, in questa situazione in cui ci si trova di fronte a scenari che vanno ben al di là delle strategie elaborate, di poter contare su collaboratori validi e motivati. La direttrice incaricata ha rilevato che, malgrado la pandemia in corso, è anche importante portare avanti gli altri temi che non hanno nulla a che vedere con il covid-19. Tra le altre cose bisognerà continuare a lavorare, con cantoni e comuni, per continuare a garantire l'approvvigionamento in materia di salute per tutta la popolazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.