Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In arrivo la grande riforma in materia di asilo. In futuro, la maggioranza delle domande, per le quali non sono necessari ulteriori accertamenti, saranno trattate e concluse in una procedura celere - al massimo 140 giorni - con una protezione giuridica più ampia. Durante l'intera procedura i richiedenti saranno alloggiati in centri regionali della Confederazione fino al loro eventuale allontanamento dalla Svizzera. È quanto prevede la rivista legge sull'asilo, approvata oggi dal governo, assieme al messaggio destinato alla Camere federali.

La maggiore sfida di questa riforma voluta dalla consigliera federale Simonetta Sommaruga è rappresentata dalla capacità di accoglienza. La Confederazione dispone attualmente di 1'400 posti nei suoi cinque centri di registrazione e di 600 posti in strutture provvisorie. Ce ne vorrebbero 5'000 per rispondere a uno scenario di 24 mila domande all'anno. Berna svilupperà le sue capacità in collaborazione con Cantoni e comuni.

L'allestimento di centri federali richiederà investimenti importanti, stimati a 548 milioni di franchi, inclusa la creazione di impieghi. La riforma dovrebbe tuttavia permettere di risparmiare 170 milioni di franchi all'anno rispetto al sistema odierno.

Se per decidere in merito a una domanda sono necessari ulteriori accertamenti, i richiedenti saranno attribuiti, come finora, ai Cantoni per la procedura ampliata. Tale procedura va conclusa entro un anno con decisione passata in giudicato e i richiedenti, con una decisione negativa, dovranno lasciare la Svizzera entro questo termine. Come finora, l'allontanamento spetterà ai Cantoni.

Sul modello dell'Olanda, si tratta di rafforzare in modo sostanziale la capacità dei centri federali al fine di centralizzare le procedure e giungere ad una decisione, nel 60% dei casi, entro un termine di 140 giorni invece degli attuali 700, tanto infatti durano i casi complessi.

Dopo una fase preparatoria di 21 giorni al massimo per avere tutti i chiarimenti necessari al fine di avviare la procedura (esami medici e impronte digitali), il richiedente i cui fatti sono appurati e non c'è bisogno di altre indagini sarà oggetto di una procedura accelerata. Il suo caso va "ultimato" in 100 giorni, rinvio incluso (qualora si giungesse a questo esito).

Per coloro che hanno già presentato una domanda d'asilo in un altro Stato Dublino - il 40% dei casi - il termine per la decisione definitiva sale a 140 giorni. I casi più complessi continueranno a venir attribuiti ai Cantoni e la procedura dovrà venir chiusa entro un anno.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS