Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

CF: auto nuove, primo collaudo dopo 5/6 anni, invece di 4

In futuro il primo controllo periodico di automobili e motociclette dovrà avvenire non prima di cinque anni, e al più tardo dopo sei, dalla prima messa in circolazione. Attualmente, il primo collaudo avviene dopo quattro anni. Lo ha stabilito oggi il Consiglio federale che ha pure deciso di estendere i criteri per il rilascio di targhe professionali.

La decisione di modificare l'Ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali (OETV), spiega il governo, è dovuta al fatto che il settore, grazie ai progressi tecnologici, ha raggiunto un elevato livello di affidabilità. Le auto e le moto immatricolate oggi presentano infatti standard qualitativi considerevolmente più elevati rispetto a venti anni fa, quando furono introdotte le scadenze di revisione attualmente in vigore.

A confermare questa tesi ci sono anche le liste dei guasti compilate dagli uffici della circolazione stradale e le statistiche degli incidenti: dai dati emerge infatti che guasti e difetti sono responsabili in meno dell'1% dei casi. La proroga del primo collaudo, fa inoltre notare il Consiglio federale, permetterà di ridurre l'onere imposto ai detentori di veicoli.

Altra novità: i rimorchi con un peso totale massimo di 750 kg saranno esentati dall'obbligo di collaudo periodico. Per i rimorchi di peso compreso tra 750 kg e 3,5 tonnellate verrà invece ridotto di un anno l'intervallo tra due controlli, a partire dal terzo collaudo.

Le modifiche entreranno in vigore il 1° febbraio 2017, lasciando così ai Cantoni sufficiente tempo per adeguarsi. È infatti compito loro adottare le misure necessarie per garantire il rispetto delle scadenze.

Oggi il governo ha anche deciso di rivedere i requisiti tecnici in materia di emissioni acustiche dei motoveicoli, adattandoli a quelli europei. Dal 2017 si potrà così vietare l'immatricolazione di motociclette dotate di sistemi che servono soltanto ad aumentarne la rumorosità.

Un'ulteriore novità, che entrerà in vigore già il 1° aprile 2015, riguarda il rilascio di targhe per concessionarie. Fra i criteri per determinare il numero delle cosiddette "targhe di garage" destinate a ogni azienda verrà contabilizzato anche il numero di veicoli venduti per tenere maggiormente conto dei rivenditori di auto che non dispongono di una officina.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.