Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - La Svizzera intende agevolare la restituzione di averi depositati nelle banche elvetiche conseguiti illecitamente da dittatori o politici corrotti. È ciò che si propone la legge sulla restituzione degli averi di provenienza illecita di persone politicamente esposte (LRAI) approvata oggi dal Consiglio federale e che potrebbe essere discussa in Parlamento già in giugno.
La norma che dovrà essere trattata dalle Camere è conosciuta anche come "Lex Duvalier", dal nome dell'ex uomo forte di Haiti. A causa di una lacuna giuridica, la Svizzera può attualmente essere obbligata a restituire ai famigliari i fondi illeciti se lo Stato d'origine non riesce a portare a termine le procedure necessarie a causa della disorganizzazione del sistema giuridico locale.
Ciò è già accaduto con gli averi dell'ex dittatore Mobutu (presidente dello Zaire, oggi Repubblica democratica del Congo) rintracciati in Svizzera e consegnati agli eredi nel 2009 invece di essere restituiti alla popolazione. Un caso simile potrebbe quindi ripetersi con i beni confiscati a Duvalier.
Per evitare un esito analogo, il governo spera che la legge venga approvata in fretta. La proposta governativa comporta infatti una clausola di retroattività per risolvere il caso dell'ex dittatore di Haiti sui cui conti in Svizzera sono ancora depositati 7 milioni di franchi.
La nuova legge regola modalità di blocco, di confisca e di restituzione dei valori patrimoniali riconducibili a persone politicamente esposte o alla loro cerchia, nel caso in cui una domanda d'assistenza giudiziaria internazionale in materia penale non possa avere esito.
La normativa prevede inoltre che il Tribunale amministrativo federale decida della confisca dei valori patrimoniali bloccati acquisiti illecitamente. Con la restituzione di simili beni, la Svizzera vuole migliorare inoltre le condizioni di vita della popolazione dello Stato di provenienza. Con tali averi verrebbero infatti finanziati programmi d'interesse pubblico.

SDA-ATS