Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'accordo di libero scambio tra la Svizzera e la Cina (ALS), contestato in parlamento da sinistra e Verdi per l'assenza di riferimenti espliciti ai diritti umani, entrerà in vigore a inizio luglio. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale, dopo la conclusione delle procedure interne per l'approvazione di questa intesa tra Berna e Pechino.

L'accordo bilaterale è stato firmato il 6 luglio 2013 dal consigliere federale Johann Schneider-Ammann e dal ministro del commercio cinese. Il via libera del parlamento alla ratifica è giunto la scorsa primavera.

SDA-ATS