Navigation

CF: coronavirus, IPG al 100% per militi e civilisti

Coronavirus: IPG al 100% per militi e civilisti KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 giugno 2020 - 11:02
(Keystone-ATS)

Non solo i militi, ma anche chi ha prestato servizio civile durante l'emergenza legata al coronavirus beneficerà di indennità di perdita di guadagno (IPG) pari al 100% del salario. Lo ha deciso oggi il Governo modificando l'Ordinanza COVID-19 indennità dei militari.

Dalla chiamata in servizio del Consiglio federale, in Svizzera erano impiegati in media ogni settimana fino a fine maggio oltre 5000 membri della protezione civile. Di norma, come anche i soldati, ricevono un'indennità pari all'80% del loro reddito tramite le IPG.

Per il periodo tra il 21 marzo e il 30 giugno 2020, se il datore di lavoro non dovesse versare il 20% restante, lo farà la Confederazione (al netto dei contributi alle assicurazioni sociali). Ciò vale sia per i militari (decisione presa il 20 marzo), sia per i "civilisti" (decisione presa appunto oggi). Per i giorni di servizio prestati su base volontaria non è invece previsto alcun versamento complementare.

Per far valere il proprio diritto alla rendita completa, i militari devono inoltrare una richiesta scritta al Comando Istruzione, Personale dell'esercito. I "civilisti" all'ufficio cantonale responsabile della protezione civile. Nei due casi la domanda deve essere inoltrata entro il 6 settembre.

Contrariamente ai militi, chi ha prestato servizio civile ha diritto all'indennità supplementare solo a partire dal 20 giorno di servizio. L'onere finanziario supplementare è stimato a 6 milioni di franchi al massimo e può essere coperto con il credito per l'impiego della protezione civile già discusso dal governo.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.