Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'immagine mostra dei globuli omeopatici (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Le prestazioni di medicina complementare, quali le cure omeopatiche, continueranno ad essere rimborsate dall'assicurazione malattia di base, e questa volta a tempo indeterminato.

Lo ha deciso oggi il Consiglio federale, precisando che le nuove disposizioni entreranno in vigore il primo agosto.

A partire da questa data, i costi della medicina antroposofica, di quella cinese, dell'omeopatia e della fitoterapia, che già erano presi a carico a titolo provvisorio dal 2012, saranno assunti senza limite di tempo dall'assicurazione di base alla stessa stregua di quelli della medicina classica. Tale decisione conferma la volontà espressa da popolo e cantoni nel maggio del 2009, con l'accettazione del nuovo articolo costituzionale sulla medicina complementare.

L'agopuntura, che già oggi è rimborsata dall'assicurazione di base a tempo indeterminato, sarà trattata nello stesso modo. Tali cambiamenti degli statuti non avranno ripercussioni finanziarie, indica oggi in una nota il Dipartimento federale dell'interno (DFI).

A determinate condizioni (tradizione d'impiego e di ricerca, evidenza scientifica ed esperienza medica, perfezionamento), le terapie della medicina complementare somministrate dai medici saranno rimborsate secondo il principio di fiducia. Stando a questo principio, i dottori forniscono soltanto le prestazioni che soddisfano i criteri di efficacia, adeguatezza ed economicità.

Solo singole prestazioni controverse saranno verificate, come già avviene per altre specialità mediche.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS