Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'obbligo di dichiarazione d'origine per l'elettricità importata può essere introdotto con un spesa esigua. È quanto afferma un rapporto approvato oggi dal Consiglio federale. Questa misura permetterebbe di aumentare la trasparenza nel settore.

Il rapporto "Etichettatura dell'elettricità: obbligo generale di dichiarazione con garanzie di origine" è stato redatto in risposta a un postulato dell'ex consigliera agli Stati Verena Diener (Verdi liberali).

Dal 2013 è necessario indicare l'origine e la qualità dell'energia elettrica prodotta in Svizzera da centrali con una potenza allacciata superiore a 30 kVA. Se però l'elettricità è stata acquistata sul mercato internazionale, è possibile dichiarare che essa proviene da "vettori energetici non omologabili". Si tratta della cosiddetta "elettricità grigia", che in Svizzera rappresenta in media circa il 13% ma in alcuni casi può arrivare al 97%. Nel 2014 ad esempio 34 aziende di approvvigionamento hanno dichiarato una quota del 97% di vettori energetici non omologabili.

Per migliorare la trasparenza e l'informazione dei consumatori è possibile introdurre un obbligo di dichiarazione generale. Secondo il rapporto, infatti, i costi sarebbero esigui e la misura sarebbe attuabile.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS