Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nuove regole per il capitale propripo di PostFinance, Raiffeisen e Banca cantonale di Zurigo

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

È necessario introdurre nuove esigenze di capitale proprio per le banche di rilevanza sistemica orientate al mercato nazionale, come PostFinance, Raiffeisen e Banca cantonale di Zurigo (ZKB), analogamente a quanto previsto per UBS e Credit Suisse.

Il Consiglio federale ha incaricato oggi il Dipartimento federale delle finanze (DFF) di elaborare un progetto in questo senso entro febbraio del prossimo anno.

Le attuali regole sancite nella legge sulle banche hanno lo scopo di evitare che in caso di crisi gli istituti finanziari di rilevanza sistemica ("too big to fail") debbano essere salvati con i soldi dei contribuenti, ricorda l'esecutivo in una nota.

Finora le banche sistemiche orientate al mercato nazionale dovevano disporre solo di un capitale "going concern", ossia per continuare a offrire i servizi anche in situazioni di stress, senza necessitare di sostegno da parte dello Stato. Queste esigenze non possono però impedire che una banca "too big to fail" venga risanata o liquidata.

Il governo propone pertanto di imporre a questi istituti anche l'obbligo di un capitale "gone concern", con cui per esempio procedere al risanamento o consentire il mantenimento delle funzioni di rilevanza sistemica in un'unità funzionante e la liquidazione delle altre unità senza ricorrere a fondi pubblici.

Stando alla proposta del Consiglio federale, le esigenze "gone concern" di PostFinance, Raiffeisen e ZKB dovrebbero tuttavia ammontare al 40% soltanto di quello previsto per il "goin concern", mentre per UBS e CS i due capitali sono uguali. In tal modo il Consiglio federale ritiene di tener conto del fatto che queste banche sono meno interconnesse a livello internazionale e che pertanto presentano una rilevanza sistemica minore.

Viste le differenze a livello organizzativo e di proprietà di PostFinance, Raiffeisen e Banca cantonale di Zurigo, occorrerà prevedere "un trattamento individuale e una certa flessibilità in sede di attuazione delle misure", precisa il governo.

SDA-ATS