Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Agenzia svizzera per la promozione dell'innovazione (Innosuisse) inizierà le sue attività il prossimo primo gennaio. A tale scopo il Consiglio federale ha approvato oggi le necessarie modifiche e aggiunte a livello di ordinanze.

Innosuisse - un ente di diritto pubblico con personalità giuridica propria - sarà la nuova agenzia della Confederazione per la promozione dell'innovazione fondata sulla scienza. In questa sua funzione subentrerà all'attuale Commissione per la tecnologia e l'innovazione (CTI), si legge in un comunicato governativo.

Dal punto di vista dei sussidi, rispetto all'attuale regolamento verranno semplificati e migliorati gli aspetti legati alla trasparenza e alla certezza del diritto. Per quel che riguarda onorari e condizioni contrattuali, il Consiglio federale ha fissato i criteri basandosi il più possibile sulle tariffe praticate da altre unità con compiti analoghi.

Lo scorso luglio due ticinesi sono stati designati nel Consiglio dell'Innovazione di Innouisse. Si tratta di Nicoletta Casanova, CEO della società FEMTOprint, e di Adriano Nasciuti, della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI). Degli altri membri, in totale 20 esperti del mondo economico e scientifico, dieci provengono dalla Svizzera tedesca, sette dalla Svizzera romanda e uno dall'estero.

Il 56enne vodese André Kudelski sarà invece il presidente del consiglio di amministrazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS