Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La valle Bavona fa pure parte dei paesaggi da proteggere

Keystone/KARL MATHIS

(sda-ats)

L'Inventario federale dei paesaggi e monumenti naturali d'importanza nazionale (IFP) sarà più preciso e dettagliato, in modo da agevolare l'operato delle autorità nella valutazione di progetti che toccano i siti iscritti.

È quanto prevede la revisione dell'ordinanza in materia, approvata oggi dal Consiglio federale. Entrerà in vigore il primo giugno.

I paesaggi iscritti nell'IFP appartengono al patrimonio svizzero, costituiscono un elemento importante delle identità regionali e rappresentano un capitale turistico considerevole, sottolinea in una nota odierna dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM), ricordando siti naturali come la Val Bavona, il Monte Generoso, la Greina, il gruppo del Bernina, ma anche le Alpi Bernesi, il Pilatus (OW/NW) o il Creux du Van (NE).

Con la sua revisione, è stata considerevolmente ampliata la descrizione di ciascuno dei 162 siti. Sono inoltre stati precisati i motivi alla base della loro iscrizione nell'IFP, i pericoli, i provvedimenti presi e le proposte per un futuro miglioramento della protezione dei singoli oggetti.

La nuova ordinanza fornisce una base giuridica per il monitoraggio e il controllo dell'efficacia delle misure adottate. In futuro, le autorità federali e cantonali disporranno di basi migliori per la valutazione di progetti pianificatori che toccano i siti protetti. Gli effetti giuridici dell'inventario restano però invariati.

Lo scopo - prosegue l'UFAM - è conservare le caratteristiche dei paesaggi protetti senza prescrivere una protezione assoluta, integrando invece l'idea di un'evoluzione del paesaggio in una prospettiva qualitativa.

Nella revisione sono stati in gran parte presi in considerazione i pareri espressi durante la procedura di consultazione. L'ordinanza conferma in modo esplicito la garanzia della conservazione e dell'utilizzazione degli edifici e degli impianti esistenti negli oggetti dell'IFP. Su richiesta dei Cantoni sarà inoltre elaborato un aiuto all'attuazione dell'inventario. Non è invece stato modificato il perimetro dei singoli siti.

Nella sua nota, l'UFAM ricorda che oltre all'IFP ci sono altri due inventari che riguardano il paesaggio: l'ISOS, che recensisce gli insediamenti svizzeri da proteggere d'importanza nazionale, e l'IVS, che comprende le vie di comunicazione storiche della Svizzera.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS