Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Il Consiglio federale ha proseguito la discussione sul rapporto sull'esercito del ministro della difesa Ueli Maurer, che dovrebbe adottare tra una settimana. Ecco le decisioni governative in sintesi:
RENDITE AVS: Rendite di vecchiaia e di invalidità più "pesanti" dal gennaio prossimo. Lo ha deciso il Consiglio federale che ha adeguato anche gli importi per le prestazioni complementari all'evoluzione di prezzi e salari (indice misto). L'aumento sarà dell'1,75%.
LPP: Il Consiglio federale ha deciso che il primo gennaio prossimo entreranno in vigore i provvedimenti a favore dei lavoratori anziani, adottati dall'Assemblea federale nel dicembre del 2009 nel quadro della riforma del II pilastro.
SIGARETTE: Fumare costerà ancora più caro. Il Consiglio federale ha infatti deciso un aumento di 20 centesimi dell'aliquota d'imposta sulle sigarette da inizio ottobre. Da questo ennesimo rincaro - l'ultimo, di 30 cts, risale al 2008 - il governo si attende maggiori entrate per la Confederazione di 50 milioni di franchi. L'aumento dell'imposta sul tabacco rientra nel programma di consolidamento 2012-2013.
ACQUE: Il Consiglio federale ha deciso di porre in vigore in gennaio la modifica della legge sulla protezione delle acque. Decisa dal parlamento nel dicembre del 2009 quale controprogetto indiretto all'iniziativa popolare "Acqua viva" - nel frattempo ritirata - essa sancisce che i corsi d'acqua e laghi svizzeri debbano riacquistare un aspetto seminaturale.
FORMAZIONE PROFESSIONALE: La nuova legge sulla formazione professionale (LFPr) si è rivelata un importante elemento di modernizzazione della formazione professionale in Svizzera. La conferma viene dal rapporto "Nuova legge sulla formazione professionale: un bilancio dopo sei anni" che il Consiglio federale ha approvato in risposta al postulato "Sostegno alla formazione duale" del consigliere nazionale Laurent Favre (PLR/NE).
GESTIONE RISCHI: La politica di gestione dei rischi che gravano sulla Confederazione dev'essere rafforzata e la sua attuazione resa omogenea nei dipartimenti federali. Rispondendo alle raccomandazioni dello scorso maggio formulate dalle Commissioni della gestione, il Consiglio federale ha modificato le istruzioni in vista di una gestione moderna dei rischi. Per rischi s'intendono variazioni dei tassi d'interesse, la partecipazione dello Stato in imprese quali Swiss, l'esplosione di depositi per prodotti pericolosi, l'appropriazione indebita da parte di collaboratori o catastrofi nucleari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS