Navigation

CF: minoranze a rischio, contribuire a costi sicurezza

La Confederazione ha previsto aiuti finanziari annui fino a un massimo di 500'000 franchi per i costi legati alla sicurezza delle minoranze. Immagine d'archivio. KEYSTONE/LAURENT GILLIERON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 ottobre 2019 - 11:03
(Keystone-ATS)

La Confederazione ha previsto aiuti finanziari annui fino a un massimo di 500'000 franchi per i costi legati alla sicurezza delle minoranze.

Il Consiglio federale ha preso atto dei risultati della consultazione sul tema e ha adottato la pertinente ordinanza, con entrata in vigore il primo novembre.

La Confederazione potrà partecipare ai costi per misure di natura edile, tecnica e organizzativa volte a impedire eventuali reati contro minoranze esposte a rischi connessi al terrorismo o all'estremismo violento, si legge in un comunicato governativo odierno. Simili misure possono comprendere recinzioni, mura, videosorveglianza o impianti di allarme.

Inoltre, la Confederazione potrà sostenere finanziariamente misure di formazione nei settori del riconoscimento dei rischi e della prevenzione di minacce, nonché misure di sensibilizzazione o di informazione destinate ad ampie fasce di popolazione. Non è invece consentita la partecipazione statale alle spese per il personale di sicurezza.

I pareri sul progetto preliminare messo in consultazione sono stati per lo più positivi. L'ordinanza sulle misure a sostegno della sicurezza delle minoranze bisognose di particolare protezione (OMSM) corrisponde ampiamente al testo sottoposto a consultazione. La decisione di concedere il sostegno finanziario spetta all'Ufficio federale di polizia (fedpol), che valuta il bisogno di particolare protezione della minoranza interessata e ne verifica il legame consolidato con la Svizzera e i suoi valori.

Sono escluse da questi contributi le attività politiche, lobbistiche o missionarie e la formazione all'uso delle armi. L'aiuto della Confederazione non viene neppure concesso se il richiedente esercita attività vietate oppure esalta o minimizza la violenza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.