Navigation

CF: nuova tassa per garantire finanziamento infrastrutture

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 settembre 2010 - 18:40
(Keystone-ATS)

BERNA - In futuro, gli utenti della strada e della ferrovia potrebbero pagare in funzione della tratta percorsa, ma anche a seconda dell'ora e della qualità della rete dei trasporti. Il Consiglio federale potrebbe infatti riprendere l'idea di una tassa sulla mobilità lanciata da Moritz Leuenberger.
La sola opzione a lungo termine volta a garantire il finanziamento delle infrastrutture stradali e ferroviarie si basa sull'introduzione, su tutto il territorio nazionale e per tutti i mezzi di trasporto, di una tassa unica commisurata alle prestazioni ("mobility pricing"). Questa tassa sostituirebbe le attuali imposte, quali quella sui carburanti e il contrassegno autostradale.
Restano tuttavia numerose questioni aperte concernenti la messa a punto di tale sistema, ammette il governo. Nei prossimi anni, verranno quindi esaminate nel dettaglio le basi legali necessarie, l'interoperabilità tecnica con i sistemi esteri, le modalità di prelievo della tassa, nonché le ripercussioni economiche e sociali della "mobility pricing".
Il Consiglio federale intende tra l'altro valutare gli effetti perversi che ne deriverebbero, come gli oneri finanziari sproporzionati per i salariati tenuti professionalmente a viaggiare nelle ore di punta. Varie opzioni saranno esaminate prima di avviare un'ampia discussione sui risultati di queste analisi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.