Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Il Consiglio federale intende aumentare a due anni la durata del mandato del presidente della Confederazione e ricorrere maggiormente ai segretari di Stato. Queste proposte della riforma del governo, annunciate il 25 marzo scorso, sono state approfondite dall'esecutivo nella seduta di clausura alla residenza von Wattenwyl, svoltasi il primo maggio.
Stando a un comunicato odierno della Cancelleria federale, durante questa seduta speciale il Consiglio federale ha discusso la struttura dei sette dipartimenti. Ha in particolare confermato il calendario annunciato il 25 marzo 2010, secondo cui il governo intende prendere le decisioni definitive entro l'estate.
Il prolungamento del mandato del presidente richiede una modifica costituzionale da sottoporre a popolo e cantoni. Il Dipartimento federale di giustizia e polizia ha già ricevuto l'incarico, sempre il 25 marzo scorso, di preparare un messaggio entro l'estate, nel quale dovranno essere regolati anche altri aspetti riorganizzativi legati alla conduzione dello Stato (aumento numero segretari di Stato).
Nella seduta del primo maggio - precisa ancora la Cancelleria - il Consiglio federale ha esaminato in dettaglio la concretizzazione di tali misure in vista della redazione del messaggio. Il governo ha inoltre iniziato la discussione sulla struttura dei sette dipartimenti. Anche su questo punto le decisioni sono attese entro l'estate.

SDA-ATS