Navigation

CF: nuovo direttore dell'Ufficio federale delle abitazioni

Martin Tschirren sarà il nuovo direttore dell'Ufficio federale delle abitazioni KEYSTONE/ADRIEN PERRITAZ sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 novembre 2019 - 14:15
(Keystone-ATS)

Dal 16 marzo 2020, l'Ufficio federale delle abitazioni (UFAB) avrà un nuovo direttore: si tratta del 48enne Martin Tschirren, attuale vicedirettore dell'Unione delle città svizzere.

Il Consiglio federale lo ha nominato oggi al posto di Ernst Hauri, che andrà in pensione alla fine di quest'anno.

Nella sua carica attuale Tschirren è già responsabile dei dossier politica abitativa/energetica. Fa inoltre parte di numerosi organismi, in particolare del Dialogo sulla politica dell'alloggio Confederazione-Cantoni-Città, nonché del gruppo di lavoro ONU-Habitat. Può quindi vantare una fitta rete di contatti con gli attori del settore abitativo e immobiliare, si legge in una nota odierna del Dipartimento federale dell'economia (DEFR).

Il futuro direttore dell'UFAB ha studiato storia e teologia alle Università di Friburgo e di Nimega (NL). Si è in seguito formato in diritto amministrativo, comunicazione e pianificazione territoriale. Prima di raggiungere l'Unione delle città svizzere ha trascorso sei anni nel servizio diplomatico presso il Dipartimento federale degli affari esteri e ha diretto, dal 2005, l'ufficio Affari pubblici della società elettrica Kraftwerke Oberhasli a Innertkirchen (BE).

Per trovare il successore di Ernst Hauri, capo dell'UFAB dal 2009, il consigliere federale Guy Parmelin aveva istituito una commissione cerca. Tschirren è stato scelto su un totale di 33 candidature, precisa ancora la nota.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.