Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Il Consiglio federale non intende versare i 100 milioni di franchi chiesti dai cantoni per gli oneri supplementari provocati dalla Nuova impostazione della perequazione finanziaria e della ripartizione dei compiti tra Confederazione e cantoni (NPC). A parte alcune correzioni, nel primo rapporto sull'efficacia della NPC, posto in consultazione oggi unitamente alla futura dotazione dei fondi di perequazione, il governo propone di restare al sistema applicato dal 2008.
Un rapporto dell'amministrazione federale delle finanze aveva dimostrato nel maggio del 2009 che i cantoni nel 2008 avevano dovuto sopportare un onere supplementare di 100 milioni di franchi, rispetto alle ipotesi fatte nel 2006 nell'ambito della perequazione. Dal canto suo, la Confederazione ha beneficiato di uno sgravio di 47 milioni e le assicurazioni sociali di 53.
Contrariamente ai cantoni, il governo non vuole compensare questo onere nell'ambito della dotazione dei vari fondi per il 2012-2015, posta in consultazione oggi fino al 2 luglio. I 100 milioni - rileva l'esecutivo - rappresentano soltanto il 4% dell'importo globale delle somme in gioco nella perequazione (2,5 miliardi in tutto).
Per il resto, il Consiglio federale fa un bilancio globalmente positivo della riforma, sottolineando che il suo primo rapporto sull'efficienza del nuovo sistema concerne solo un periodo relativamente breve. Secondo il governo, i cantoni hanno guadagnato in fatto di autonomia finanziaria, dato che la Confederazione versa loro meno importi ad attribuzione obbligatoria.
Nel 2008, questi trasferimenti sono ammontati a 4,8 miliardi, ossia il 35% in meno rispetto al 2007. I versamenti non vincolati sono parallelamente aumentati di 1,4 miliardi (+28%). Altra constatazione positiva: le disparità tra cantoni ricchi e poveri sono diminuite e la competitività fiscale è stata mantenuta.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS