Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La nuova legge sulla pianificazione del territorio (LPT) e la relativa ordinanza (OPT) verranno applicate dal primo maggio. La data di entrata in vigore è stata fissata oggi dal Consiglio federale. Le disposizioni prevedono misure contro la dispersione degli insediamenti, novità per l'installazione di impianti solari e precisazioni sulla tenuta di cavalli.

Con la nuova LPT largamente accettata dal popolo nel marzo del 2013, le zone edificabili dovranno corrispondere al fabbisogno prevedibile per 15 anni. Alcuni proprietari rischiano così un "dezonamento" (un cambiamento di destinazione) dei loro terreni, ma potranno contare sull'indennizzo di comuni e cantoni, grazie a una tassa del 20% sul plusvalore voluto dai titolari di tenute agricole "riclassificate" al momento di una vendita o di una costruzione.

Città e paesi dovranno sviluppare gli insediamenti all'interno di zone già costruite, con l'obiettivo di frenare la perdita di terreni coltivabili ed evitare elevati costi per l'urbanizzazione.

L'attuazione della revisione spetta ai Cantoni, che avranno cinque anni di tempo per adattare i loro piani direttori e sottoporli all'approvazione del Consiglio federale. Inoltre, dovranno compensare la creazione di nuove zone edificabili.

Le zone destinate a infrastrutture pubbliche che rispondono a necessità urgenti (per esempio l'ospedale cantonale) non devono sottostare a questo obbligo.

Installazione di impianti solari più facile

È previsto un allentamento delle condizioni poste per l'installazione di impianti solari. Nelle zone edificabili e nelle zone agricole la sistemazione di pannelli solari sui tetti non sarà più soggetta ad autorizzazioni edilizie, ma solo a un obbligo di annunciare il progetto alle autorità. Questa novità non vale per le installazioni su monumenti naturali e culturali.

Ascoltati gli amanti dei cavalli

L'OPT ha pure precisato le decisioni del Parlamento in merito alla tenuta dei cavalli. Il progetto prevede ora che sia le aziende agricole vere e proprie che quelle più piccole possano ospitare cavalli. Inoltre, la nuova disposizione abbandona il numero limite di cavalli tenuti a scopi sportivi o ricreativi.

SDA-ATS