Navigation

CF: poste, consultazione ordinanza, rapidità accesso a uffici

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 gennaio 2012 - 17:31
(Keystone-ATS)

Il Consiglio federale ha deciso oggi di avviare la procedura di consultazione sul progetto di nuova ordinanza sulle poste. Il testo prevede che gli uffici postali che offrono i servizi finanziari di PostFinance, tra cui versamenti, pagamenti, giroconti, siano raggiungibili al massimo in 30 minuti. Per gli altri, agenzie comprese, vale il limite di 20. L'indagine conoscitiva si concluderà a metà aprile.

L'ordinanza concretizza le nuove leggi sulle poste (LPO) e sull'organizzazione delle poste (LOP), adottate dal parlamento il 17 dicembre 2010. Considerata l'elevata importanza politica del testo, la consultazione sarà estesa a numerosi ambienti, indica oggi il governo in un comunicato. Le due leggi e l'ordinanza dovrebbero entrare in vigore nel terzo trimestre dell'anno.

Nell'elaborazione dell'ordinanza - ha detto la ministra delle comunicazioni Doris Leuthard nella consueta conferenza stampa del mercoledì a Berna - il Consiglio federale ha tenuto conto dell'iniziativa popolare "Per una posta forte" che chiede una rete capillare di uffici postali e un accesso rapido a tutte le prestazioni del servizio universale. Il governo invita a bocciare l'iniziativa, ancora pendente davanti al parlamento.

I tempi d'accesso alle prestazioni postali sono un tema politicamente molto sensibile, ha sottolineato la direttrice del Dipartimento federale delle comunicazioni (DATEC).

Gli uffici di PostFinance dovranno essere raggiungibili, in tutte le regioni e per tutti i gruppi di popolazione, al massimo in 30 minuti (a piedi o con i trasporti pubblici). Per Leuthard la clientela non ricorre a queste sedi "più di due volte al mese". Diverso il discorso per gli altri uffici e le agenzie del gigante giallo, per cui l'ordinanza prevede il limite di 20 minuti. Questo lasso di tempo era stato giudicato conforme alla formulazione di "tempo ragionevole" iscritta nella LPO durante i dibattiti parlamentari.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?