Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Palazzo federale a Berna.

KEYSTONE/PETER KLAUNZER

(sda-ats)

Dopo molte polemiche al momento della suo annuncio, oggi il Consiglio federale ha finalmente approvato il programma di stabilizzazione delle finanze per il periodo 2017-2019 che contempla minori uscite comprese tra 800 milioni e un miliardo di franchi all'anno.

Tale programma si è reso necessario, stando a una nota odierna del Dipartimento federale delle finanze (DFF), a causa dei "buchi" nel bilancio statale provocato dal forte apprezzamento del franco in seguito abbandono della soglia minima del cambio con l'euro da parte della Banca nazionale svizzera.

In seguito, è stato necessario correggere notevolmente al ribasso le previsioni relative alla crescita economica e al rincaro. Di conseguenza, sottolinea il comunicato, le entrate della Confederazione hanno avuto un'evoluzione molto più lenta di quanto era stato previsto inizialmente.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS