Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

CF: sì ad export bellico anche verso paesi problematici

Per venire incontro all'industria delle armi e delle munizioni, confrontata con difficoltà di vendita all'estero e conseguente perdita di posti di lavoro, il Consiglio federale intende allentare le limitazioni alle esportazioni di materiale militare. Lo ha fatto sapere lo stesso governo rispondendo a una mozione proveniente da una commissione del Consiglio degli Stati.

Dal 2008 le imprese belliche elvetiche non possono più vendere armi a paesi come l'Arabia Saudita o il Pakistan. L'export è vietato nelle nazioni in cui i diritti umani sono violati in modo grave e sistematico. Una prassi restrittiva che il Consiglio federale ha sottolineato anche nel 2009, durante la campagna contro l'iniziativa per il divieto d'esportazione di materiale bellico.

Ora l'esecutivo cambia posizione e si allinea a quanto chiesto dalla Commissione della politica di sicurezza (CPS) degli Stati, che ha auspicato regole non più severe di quelle vigenti in paesi simili quali la Svezia e l'Austria. Per il governo si tratta di preservare un comparto industriale importante anche per difesa nazionale.

La mozione presentata dalla CPS chiede che ogni caso sia valutato singolarmente: gli Stati problematici non sarebbero quindi più esclusi in modo generalizzato. Il materiale potrebbe ad esempio essere esportato in nazioni dove la situazione dei diritti dell'uomo è insufficiente: sarebbe solo necessario che i beni in questione non possano servire a compiere violazioni dei diritti umani.

La mozione, che il governo propone quindi di approvare, sarà trattata dal Consiglio degli stati nella sessione autunnale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.