Navigation

CF: settore TDT, Markwalder capo della nuova entità

Daniel Markwalder oggi davanti alla stampa a Berna. KEYSTONE/PETER KLAUNZER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 giugno 2020 - 10:01
(Keystone-ATS)

A partire dal primo gennaio 2021 sarà operativo il nuovo centro di competenze "Trasformazione digitale e governance delle TIC" (TDT). Lo ha stabilito ieri nella sua seduta il Consiglio federale, che ha nominato Daniel Markwalder a capo del settore.

Il Cancelliere della Confederazione Walter Thurnherr ha presentato oggi alla stampa a Berna Markwalder: il 45enne, originario di Würenlos (AG), è attualmente segretario generale supplente del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR). Sì è laureato in diritto a Berna ed ha conseguito un bachelor al Politecnico di Zurigo in ingegneria informatica e un dottorato in diritto all'Università di Zurigo dove si è specializzato nel diritto dell'informatica.

Dopo varie tappe nell'economia privata e in istituti scolastici durante il suo periodo di formazione, nel 2008 Daniel Markwalder è entrato a fare parte dell'Amministrazione federale. Thurnherr ha sottolineato che il fatto che il nuovo delegato fosse da tempo dipendente della Confederazione era un presupposto più che necessario, dato che per questo ruolo è necessaria una profonda conoscenza dei processi e delle persone chiave.

La nomina di Markwalder costituisce il punto finale della riorganizzazione a livello digitale dell'amministrazione, ha aggiunto il Cancelliere. Il governo lo scorso 3 aprile aveva approvato il nuovo centro di competenze della Confederazione per la trasformazione digitale insieme alla strategia TIC della Confederazione per il periodo 2020-2023. L'obiettivo è di sostenere l'attività amministrativa nell'ambito della trasformazione digitale. La settimana scorsa il consiglio federale ha concretizzato la nuova organizzazione e, in particolare, ha deciso l'aggregazione amministrativa del nuovo Settore TDT.

Quest'ultimo, che conterà circa 65 collaboratori, lavorerà in stretta collaborazione con la Conferenza dei segretari generali (CSG). Markwalder dovrà sottostare alle istruzioni del Cancelliere della Confederazione. Nello specifico, il nuovo centro di competenze dovrà garantire una migliore integrazione dei processi aziendali nell'Amministrazione federale, un migliore utilizzo dei dati e un impiego più efficiente ed economico delle applicazioni e delle tecnologie TIC.

Thurnherr ha sottolineato che questa riorganizzazione non comporterà licenziamenti e avverrà in maniera "neutrale" dal punto di vista finanziario: lo scopo non è infatti quello di risparmiare bensì di avere una visione interdipartimentale dei progetti, delle risorse e dei servizi amministrativi e di rendere la collaborazione tra dipartimenti in questo ambito la norma. Finora - ha aggiunto - era piuttosto un'eccezione.

Markwalder entrerà in funzione il primo gennaio 2021: nel frattempo accompagnerà i lavori di costituzione della nuova unità che competono alla Cancelleria federale.

Per quanto concerne le prossime tappe della nuova organizzazione, in autunno la Cancelleria proporrà al governo di istituire e adeguare le basi legali necessarie per l'attuazione del nuovo modello di governance. A partire dall'inizio del prossimo anno il Settore TDT dovrà assumere in particolare i compiti centrali dell'attuale Organo direzione informatica della Confederazione (ODIC), che sarà sciolto.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.