Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Anche nel 2016 la Confederazione stanzierà complessivamente 50 milioni di franchi per il sostegno indiretto alla stampa. Lo ha deciso oggi il Consiglio federale.

Grazie a questo contributo, la Posta Svizzera concede riduzioni sui prezzi di distribuzione di quotidiani e settimanali della stampa regionale e locale, nonché per giornali e periodici di organizzazioni senza scopo di lucro. Gli sconti per l'anno prossimo ammontano rispettivamente a 25 e 15 centesimi per copia.

Al primo ottobre 2015, 142 testate regionali o locali soddisfacevano i requisiti necessari all'ottenimento del sostegno indiretto alla stampa. Tra queste figurano il Corriere del Ticino, il Giornale del Popolo, La Regione Ticino, Opinione Liberale, Popolo e Libertà, L'informatore del Mendrisiotto e del Basso Ceresio e La Rivista di Lugano, nonché Il Grigioni Italiano, La Voce del San Bernardino e i periodici legati all'immigrazione Corriere degli Italiani e La Pagina.

Se a livello svizzero il numero di testate è rimasto pressoché invariato rispetto all'anno precedente (-1), le copie vendute sono tuttavia diminuite di 3,4 milioni.

Per questa categoria Berna stanzia per il 2016 un contributo annuo di 30 milioni di franchi e la riduzione ammonterà a 25 centesimi per esemplare, quindi 2 centesimi di più rispetto al 2015.

Stampa associativa e fondazioni

Per quanto riguarda la stampa associativa e delle fondazioni, 1066 giornali e periodici soddisfano i requisiti necessari all'ottenimento del sostegno indiretto alla stampa. Si tratta di 53 testate in meno rispetto all'anno precedente, mentre il numero di copie distribuite è diminuito a 133,3 milioni (-6,3 milioni).

Questo calo è imputabile a diversi motivi: fusione di diverse testate, numero troppo basso di abbonati, frequenza di pubblicazione insufficiente, sospensione dell'edizione cartacea di una testata. La Confederazione sostiene questa categoria con contribuiti annui dell'ordine di 20 milioni di franchi e la riduzione per il 2016 di 15 centesimi per esemplare, ossia un centesimo in più rispetto al 2015.

Compensazione della differenza e calcolo delle riduzioni

Poiché non si può conoscere in anticipo il volume di distribuzione effettivo delle testate beneficiarie del sostegno, le riduzioni annue per copia sono calcolate sulla base del volume di distribuzione dell'anno precedente. Di conseguenza, la Posta sostiene ogni anno spese maggiori o minori a seconda della differenza tra il volume di distribuzione effettivo e quello dell'anno precedente. In tal caso, l'Ordinanza sulle poste (OPO) prevede una compensazione di questa differenza.

Per effetto della tendenza persistente al calo della tiratura, nel 2014 non sono stati sfruttati interamente i contributi previsti per legge a favore delle due categorie. Il contributo non versato sarà sommato ai contributi annui erogati dal Consiglio federale, si legge nella nota.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS