Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio federale non intende introdurre in tutta la Svizzera il voto per corrispondenza gratuito per le votazioni federali. Nei cantoni dove viene offerta questa possibilità non si è osservato un aumento della partecipazione, spiega il governo rispondendo a una interpellanza di Yvette Estermann (UDC/LU).

Per il governo il tasso di partecipazione alle urne è influenzato anzitutto dalla natura degli oggetti posti in votazione e dalla copertura mediatica. Senza un'assunzione dei costi da parte della Confederazione, stimati in circa un milione di franchi per votazione, verrebbe intaccata l'autonomia (finanziaria) dei Cantoni e dei Comuni, ricorda poi il governo.

Per tenere conto della crescente mobilità degli elettori e dell'informatizzazione della comunicazione, si preferisce puntare sul voto elettronico, conclude l'esecutivo. Attualmente il voto per corrispondenza gratuito esiste nei cantoni Obvaldo, Glarona, Zugo, Basilea Città, San Gallo, Argovia, Ginevra e Appenzello Interno.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS