Navigation

CF segue parlamento su trasparenza dei finanziamenti della politica

Il Consiglio federale non intende più opporsi a un controprogetto indiretto all'iniziativa sulla trasparenza KEYSTONE/ANTHONY ANEX sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 novembre 2019 - 14:02
(Keystone-ATS)

Il Consiglio federale non intende più opporsi a un controprogetto indiretto all'iniziativa popolare "Per più trasparenza nel finanziamento della politica (Iniziativa sulla trasparenza)".

Vista la determinazione del parlamento ad adottare una norma - eccessiva per gli uni, insufficiente per gli altri - il governo cambia rotta. Si esprimerà in dettaglio sul progetto entro la fine del mese.

Il disegno di legge per scongiurare l'accettazione dell'iniziativa è stato elaborato dalla Commissione delle istituzioni politiche (CIP) del Consiglio degli Stati e ha superato, anche se solo discretamente, un primo esame dei partiti in una procedura di consultazione conclusasi in agosto. La stessa CIP ha poi adottato il progetto legislativo alla fine di ottobre.

Ora, "dato che i partiti sono intenzionati a imporsi maggiore trasparenza, il Consiglio federale non intende opporsi a tale intento", si legge in una comunicato diramato oggi dal governo.

Originariamente l'esecutivo aveva deciso di opporsi all'iniziativa, ma anche all'elaborazione di un controprogetto indiretto, spiegando che un disciplinamento su scala nazionale del finanziamento dei partiti e delle campagne in vista di elezioni o votazioni è difficilmente compatibile con il sistema politico svizzero.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.