Navigation

Charles Vögele: fatturato non aumenta, giù in borsa

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 giugno 2011 - 10:37
(Keystone-ATS)

Il costante rafforzamento del franco sta creando difficoltà a Charles Vögele: il gruppo attivo a livello europeo nella vendita al dettaglio di abiti e calzature ha annunciato oggi che nei primi cinque mesi dell'anno il giro d'affari non è aumentato. La borsa ha subito reagito: il corso dell'azione è nettamente calato.

Senza l'influsso dei cambi e a parità di superfici di vendita si registra invece una lieve progressione delle vendite, si legge in un comunicato odierno, che al riguardo non fornisce peraltro cifre concrete. Non è stato inoltre possibile introdurre rapidamente come sperato la nuova strategia nel settore degli acquisti: il passaggio dalle merci più vecchie a quelle più nuove sta richiedendo più tempo del previsto. L'aumento dei prezzi (all'acquisto) mette inoltre sotto pressione i margini.

Ciò nonostante Charles Vögele si aspetta per l'insieme del 2011 un risultato in pareggio. L'azienda era già rientrata in zona utili nell'esercizio 2010, chiusosi con un risultato positivo di 18 milioni di franchi a fronte di un fatturato di 1,2 miliardi.

In borsa l'avvertimento su vendite e utili di quest'anno non è però piaciuto: a Zurigo nella prima ora di contrattazione il titolo della società è arrivato a perdere fino al 10% in un mercato generale orientato alla parità. Per gli analisti è chiaro che l'azienda, che genera il 70% del fatturato in euro, soffra per il corso del franco: ma la debolezza della moneta comunitaria dovrebbe incidere anche favorevolmente sui costi e quindi sui guadagni.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?