Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I genitori del piccolo Charlie

Keystone/EPA/ANDY RAIN

(sda-ats)

Nuovo appello dei genitori del piccolo Charlie Gard perché il bimbo di 11 mesi malato terminale possa essere trasferito negli Stati Uniti e tentare un trattamento medico sperimentale.

Connie Yates e Chris Gard hanno presentato una petizione all'ospedale londinese dove Charlie è ricoverato per lasciarlo partire, affermando: "Se lui sta ancora lottando, noi stiamo ancora lottando".

La coppia - riferisce il Sun - oggi ha raggiunto un gruppo di sostenitori di Charlie davanti al Great Ormond Street Hospital, ringraziando tutti coloro che li hanno supportati e aggiungendo che "se c'è anche un 10 per cento di possibilità che una cura funzioni bisogna tentare".

I due hanno ringraziato anche l'ospedale per il "lavoro meraviglioso", aggiungendo però che "avrebbero dovuto sfruttare questa possibilità (di un nuovo trattamento) molto tempo fa".

Governo GB, decisione spetta ai giudici

Il governo britannico ha intanto fatto sapere che non avrà alcun ruolo nella decisione sul trattamento medico del piccolo Charlie. Lo ha spiegato il segretario alla giustizia David Lidington, precisando che la decisione sarà presa dai giudici in modo "indipendente e imparziale" sulla base dei fatti, intorno a questo caso così complicato.

I genitori del bimbo hanno contestato la decisione dell'ospedale dove è ricoverato, il Great Ormond Street Hospital, di rinunciare al suo trasferimento all'estero. Tanto che lo stesso ospedale ha chiesto un nuovo parere all'Alta Corte britannica, atteso per domani.

Nei giorni scorsi l'ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma aveva inviato una lettera al Great Ormond chiedendo ufficialmente ai medici inglesi di poter somministrare al bimbo un protocollo sperimentale "che può funzionare".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS