Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Amedy Coulibaly, il terrorista islamico che ha ucciso quattro ebrei in un supermercato kosher di Parigi, aveva comperato le armi in Belgio. Lo riferiscono i media belgi secondo cui il 'venditore' si è presentato ieri alla polizia.

Secondo la Libre Belgique, il mitragliatore Scorpio di Coulibaly proveniva da Bruxelles. L'uomo avrebbe acquistato anche i kalashnikov usati dai due fratelli Kouachi - autori del massacro nella redazione di "Charlie Hebdo" - alla stazione di Bruxelles Midi per meno di 5000 euro.

Il venditore, già noto alla giustizia per piccoli traffici, si sarebbe presentato ieri alla polizia federale di Charleroi, a sud di Bruxelles, dichiarando di essere stato in contatto con il terrorista di Porte de Vincennes che voleva procurarsi un'auto, aggiunge il sito del giornale belga. L'uomo, ora in stato di fermo, ha dichiarato che all'epoca non conosceva le intenzioni di Coulibaly.

La polizia si è quindi recata nella sua abitazione a Charleroi, dove ha trovato documenti sulla vendita del veicolo, ma anche altre carte sulla transazione di armi e munizioni, tra cui un Tokarev 7 62, arma usata nell'attacco al supermercato kosher di Parigi, prosegue La Libre Belgique, citando fonti vicine al dossier.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS