Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Manifestazioni si sono svolte questa sera in diverse città svizzere in segno di solidarietà con le vittime dell'attacco perpetrato contro la redazione del settimanale satirico Charlie Hebdo.

A Ginevra circa 500 persone si sono riunite in silenzio per denunciare quello che hanno definito un attentato contro la libertà di stampa e i valori democratici. Alcuni partecipanti brandivano cartelloni con la scritta "Je suis Charlie".

Stesso scenario a Losanna, dove mezzo migliaio di manifestanti si sono riuniti in place de la Riponne. Fra loro anche membri del governo cantonale, compreso il presidente Pierre-Yves Maillard. Nel pomeriggio il Consiglio di Stato vodese si era dichiarato "profondamente indignato" per l'attacco terroristico e aveva condannato "con forza questa aggressione contro i principi fondamentali della democrazia e della libertà".

Manifestazione di solidarietà anche a Berna, dove circa 200 persone si sono date appuntamento sulla Piazza federale, tra cui molti giornalisti che hanno risposto a un appello dei sindacati di categoria.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS