Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il prossimo numero di Charlie Hebdo, mercoledì in edicola, sarà stampato in un milione di copie, contro le abituali sessantamila: lo riferisce l'avvocato del settimanale satirico francese, Richard Malka. A quanto si apprende, sarà un numero di otto pagine.

Il giornale, la cui redazione è stata decapitata ieri dai terroristi, ha subito ricevuto il sostegno di grandi gruppi editoriali, come Canal Plus e "Le Monde". La redazione verrà ospitata provvisoriamente nella sede di "Libération".

Gli editori della stampa periodica francese e Google mobilitano inoltre i loro mezzi finanziari per aiutare "Charlie Hebdo" a uscire la prossima settimana. Secondo quanto rivela il sito del quotidiano "Les Echos", gli editori hanno accettato di fornire un contributo da 250 mila euro, presi dal fondo "Presse et pluralisme" che gestiscono in modo congiunto.

Su loro sollecitazione, Google ha accettato di versare un contributo analogo, preso dal suo fondo per l'innovazione digitale nella stampa. La società di distribuzione Presstalis ha poi annunciato che non incasserà alcuna commissione sulla diffusione del prossimo numero di "Charlie Hebdo".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS