Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un balzello per accedere al check-in?

KEYSTONE/ENNIO LEANZA

(sda-ats)

Chi viaggia in aereo deve pagare per i danni ambientali che provoca, attraverso una sorta di "tassa sul clima": è la proposta di Stefan Müller-Altermatt (PPD/SO).

"Volare è troppo a buon mercato: non va bene che il trasporto aereo non copra i suoi costi", afferma il deputato in un dichiarazioni riportate dalla NZZ am Sonntag. Per raggiungere gli obiettivi climatici dell'accordo di Parigi il Consiglio federale propone misure nell'ambito degli immobili e delle automobili, ma non nel settore dell'aviazione, nonostante questo ramo contribuisca in modo determinante alle emissioni di CO2.

Secondo Müller-Altermatt occorre intervenire, con l'obiettivo di convincere la gente a volare di meno. Concretamente, il politico 42enne pensa a una tassa di almeno 12 franchi per tratte fino a 2000 chilometri, 30 franchi su distanze di 3000-4000 chilometri e 50 franchi oltre i 4000 chilometri.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS