Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

CITTA' DEL VATICANO - Tre sacerdoti su cinque, a livello mondiale, cercano materiale online per la preparazione delle omelie mentre il 94,7 per cento di tutto il clero mondiale ritiene che Internet e le nuove tecnologie permettano di "migliorare la formazione".
È quanto emerge dalla ricerca "Picture", presentata oggi a Roma dal card. Claudio Hummes, prefetto della Congregazione per il clero e realizzata dalla Università della Svizzera italiana in collaborazione con la Pontificia Università della Santa Croce.
La ricerca ha raccolto, attraverso un questionario, la testimonianza dell'1,2 per cento dei preti nel mondo: 4.992 sacerdoti (22.8 per cento dei quali regolari, 72,6 per cento secolari) dei cinque continenti in un lavoro in cui, ha spiegato mons. Lucio Ruiz dell'Università della Santa Croce, sono state coinvolte tutte le Conferenze episcopali del mondo.
La ricerca, è stato spiegato, "risponde alla domanda: che cosa i sacerdoti fanno nella Rete e quali sono le loro attitudini verso le tecnologie digitali". Sul gradimento dei sacerdoti nei confronti del web, è emerso che il 50,6 per cento ritiene il ricorso ad Internet per la preparazione delle omelie "utile o molto utile", contro il 6,8 per cento che esprime parere negativo. Quanto all'uso del digitale per la direzione spirituale, c'è una forte polarizzazione: quasi il 39 per cento dei preti non lo ritiene utile, preferendo la relazione interpersonale, ma il 26.7 per cento la considera "utile o molto utile". Discorso analogo per la preghiera online: il 35,9 per cento del campione utilizza questa modalità, contro il 35,7 per cento che non la utilizza mai.
Nel rapporto tra Internet e l'"inculturazione" della fede, quasi sette preti su dieci ritengono il web uno strumento formidabile a questo scopo, e tre sacerdoti su quattro lo giudicano molto utile soprattutto nell'evangelizzazione dei giovani. Pareri fortemente divergenti anche sull'uso dei social network: il 43,9 per cento dei sacerdoti vi accede almeno settimanalmente, contro il 35,3 per cento che non ne fa alcun uso.

SDA-ATS