Navigation

Chiesti aumenti salari industria macchine, chimica e farmaceutica

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 luglio 2011 - 12:04
(Keystone-ATS)

L'organizzazione Impiegati Svizzeri rivendica per il 2012 un aumento salariale dell'1,5% nell'industria delle macchine e chimica e del 2% nel settore farmaceutico. Per questi settori "non si può assolutamente parlare di crisi".

Il buon andamento degli affari è anche dovuto agli impiegati che ora vanno premiati per l'impegno e la flessibilità dimostrata, ha sottolineato oggi a Zurigo il direttore dell'organizzazione Stefan Studer.

L'associazione di categoria si dice pronta ad adattare le richieste salariali all'andamento degli affari nei vari settori e si dichiara pure "disponibile al dialogo sull'aumento dell'orario di lavoro", ma soltanto nei settori dove ciò è necessario per assicurare posti di lavoro. Eventuali riduzioni salariali sono invece fuori discussione.

Oltre agli aumenti salariali per il 2012, l'organizzazione chiede l'introduzione di un'imposta nazionale di successione e tariffe più alte per l'imposizione forfettaria dei ricchi stranieri: le entrate supplementari dovrebbero servire allo Stato per ridurre la pressione fiscale sul ceto medio.

Impiegati Svizzeri conta circa 24'000 affiliati che lavorano nell'industria delle macchine, degli equipaggiamenti elettrici e dei metalli (MEM), come pure nell'industria chimica e farmaceutica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?