Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Svizzera manca personale qualificato per la protezione delle imprese e della pubblica amministrazione dai ciberattacchi. L'associazione ICT-Formazione professionale Svizzera annuncia oggi in una nota il lancio di un progetto in tal senso.

Denominato "ICT Security Expert" (la sigla sta per "tecnologie dell'informazione e della comunicazione"), il progetto innovatore prevede di istituire un nuovo percorso di formazione per gli informatici.

Esso è stato lanciato su iniziativa dell'associazione di categoria in collaborazione con l'Organo direzione informatica della Confederazione (ODIC) e ha l'appoggio di imprese quali Microsoft, La Posta, Swisscom e UBS, nonché dell'Associazione delle aziende elettriche svizzere (AES), che contribuiranno a definirne il contenuto.

La nuova formazione sarà riconosciuta con un diploma federale. I primi esami dovrebbero tenersi nell'estate 2018.

"Siamo convinti che la sicurezza informatica non possa essere garantita senza un personale perfettamente qualificato, nell'economia privata come presso la Confederazione", riassume Peter Fischer, capo dell'ODIC, citato nella nota.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS