Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il gruppo neocastellano Cicor, specializzato nelle tecnologie per l'industria elettronica, ha visto crollare il suo utile netto del 74,6% a 642'000 franchi nel primo semestre. Il giro d'affari è sceso in un anno del 10,5% a 92,1 milioni.

Senza gli effetti di cambio le vendite sono diminuite del 6,3%. L'utile operativo EBIT si è dal canto suo ridotto del 21,6% a 3,4 milioni di franchi. In una nota la società spiega che lo shock del franco ha influito negativamente sugli affari con clienti elvetici e sulla fabbricazione di merci su commessa in Svizzera. Complessivamente i nuovi ordinativi sono però calati solo dell'1,6% a 98,6 milioni. In valute locali sono perfino aumentati del 3,9%.

Nonostante la persistente pressione sui prezzi, che peserà anche sui margini, Cytos prevede una lieve progressione dei volumi nella seconda metà dell'anno. Grazie alle misure già adottate il gruppo si attende inoltre un miglioramento dell'utile netto ed EBIT rispetto al primo semestre.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS