Navigation

Cielo arancio su San Francisco. Roghi devastano il West

Le impressionanti immagini del Golden Gate di San Francisco. KEYSTONE/AP/Frederic Larson sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 settembre 2020 - 20:49
(Keystone-ATS)

È sempre più drammatica la situazione nella West Coast americana, dove imperversano colossali incendi.

Secondo il National Fire Information Center, oltre 90 grandi roghi hanno devastato 13'700 km quadrati - un'estensione pari quasi al Connecticut - in 13 Stati occidentali. Colpiti soprattutto California, Oregon e Washington.

Almeno sette persone sono morte: tre nella contea di Butte, in California, dove lo sceriffo ha fatto sapere che ci sono anche 12 dispersi, una a Washington e tre in Oregon, dove la governatrice Kate Brown ha dichiarato lo stato di emergenza.

Al momento, ha spiegato Brown, ci sono almeno 35 incendi attivi, che stanno distruggendo decine di edifici e costringendo all'evacuazione migliaia di persone. La governatrice ha ammonito che i roghi potrebbero provocare "il più grande numero di morti e distruzioni nella storia dello Stato", e almeno cinque località sono già state in gran parte distrutte.

La Bay Area di San Francisco, invece, si è svegliata con un cielo in stile 'Blade Runner 2049'. La coltre di fumo non ha fatto penetrare i raggi del sole, e lo skyline della città - come quello di Oakland e Berkeley - si è tinto di tonalità che andavano dal mattone al rosso cupo passando per l'arancione, mentre piogge di cenere trasportate dal vento si depositavano sulle strade. Sul web sono diventate virali le incredibili immagini dei residenti che hanno immortalato i luoghi iconici di San Francisco, a partire dal Golden Gate Bridge, in uno scenario apocalittico.

"Quando il fumo e la cenere diventano ancora più densi vicino agli incendi, la luce del sole si può bloccare completamente, facendo sembrare di trovarsi nel cuore della notte", ha spiegato il meteorologo della Cnn Judson Jones. La California quest'anno ha raggiunto un altro triste record con quasi 931 mila ettari bruciati nei roghi.

E sulla questione è intervenuto anche l'ex presidente Barack Obama, commentando la situazione in chiave elettorale. "Gli incendi lungo la costa ovest sono solo l'ultimo esempio del vero modo in cui il cambiamento climatico sta modificando le nostre comunità", ha scritto su Twitter. "Sulla scheda elettorale è in gioco la protezione del pianeta. Votate come se la vostra vita dipendesse da questo, perché è così", ha aggiunto Obama.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.