Navigation

Cile: è sciopero generale, blocchi stradali in diverse città

È iniziato oggi lo sciopero generale in Cile. Immagine d'archivio. KEYSTONE/EPA EFE/ALBERTO VALDES sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 novembre 2019 - 16:57
(Keystone-ATS)

Con barricate nelle principali città del Cile e nuovi blocchi stradali, è iniziato oggi lo sciopero generale nel Paese convocato dal Tavolo di unità sociale, che raggruppa decine di organizzazioni e sindacati nel Paese.

Diversi ingorghi stradali sono stati registrati nella regione di Valparaíso, 120 chilometri a sud di Santiago. A Valparaíso, capitale regionale, si segnalano strade bloccate con barricate e problemi nel servizio di minibus che ha aderito allo sciopero.

Nella regione di O'Higgins, a 100 chilometri da Santiago, sono state realizzate barricate sull'Autostrada Ruta 5 Sud, mentre a Concepción, 500 chilometri a sud della capitale, è stata bloccata l’autostrada Ruta 160. A nord, a Iquique, si registrano barricate in diverse parti della città.

Nella Regione metropolitana di Santiago, alcuni manifestanti hanno bloccato il traffico simultaneamente nei comuni di Cerrillos e Penaflor, generando una grave congestione del traffico in tutto il settore occidentale di Santiago.

Lo sciopero generale è stato convocato per la mancanza di risposta da parte delle autorità alle richieste dalla popolazione che, per la sesta settimana consecutiva, chiede maggiore uguaglianza, miglioramento del sistema sanitario, istruzione di qualità e cambiamenti nel sistema pensionistico, tra le altre cose.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.