Navigation

Cile: 37'000 ettari in fiamme, governo non esclude dolo

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 gennaio 2012 - 07:30
(Keystone-ATS)

Negli ultimi giorni, nel sud del Cile, le fiamme hanno divorato almeno 37'500 ettari, in 58 incendi. Un numero talmente elevato che oggi due ministri non hanno escluso il fatto che molti di essi "possono essere stati appiccati intenzionalmente". "Potrebbero essere stati scatenati con obiettivi economici o politici", ha detto il ministro dell'interno Rodrigo Hinzpeeter al programma tv '24 ore'.

Da parte sua, il ministro dell'agricoltura, Luis Mayol, a radio 'Biobio', dell'omonima regione (una di quelle più colpite dagli incendi), ha fatto notare che "è per lo meno singolare che molti incendi abbiano preso il via in circostanze simili". Per ora, nessuno ha fatto precisazioni in merito.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?