Navigation

Cile: destra al potere, Pinera presidente

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 gennaio 2010 - 07:26
(Keystone-ATS)

SANTIAGO - Il Cile manda in pensione il centro-sinistra della 'Concertacion' e si affida a Sebastian Pinera, l'uomo della nuova destra del paese, imprenditore di successo, proprietario secondo la rivista 'Forbes' del 701/o patrimonio nel mondo.
Al BALLOTTAGGIO di ieri per decidere il nome del successore della socialista Michelle Bachelet alla Moneda, Pineda (60 anni) ha battuto Eduardo Frei (67), l'ex presidente democristiano che ormai da giorni era in forte rimonta nei confronti del rivale, ma che ha perso la volata finale, anche se per poco (51,6% contro 48,3%).
Un voto, quello di ieri, storico per una serie di ragioni. La coalizione tra socialisti, democristiani e radicali, che aveva sempre vinto le presidenziali dal 1989, è riuscita in questi vent'anni a gestire, con successo, la delicata transizione del paese dall'autoritarismo di Pinochet alla democrazia. La destra, invece, era dal lontano 1958 che non vinceva una regolare elezione.
La vittoria di Pinera chiude in altre parole un lungo ciclo politico per la 'Concertacion'.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.