Navigation

Cile: disordini, presidente chiede perdono e presenta riforme

Il presidente cileno Sebastián Pinera "ha chiesto perdono" ieri sera per non aver compreso la drammaticità della situazione sociale esistente nel Paese (foto d'archivio) KEYSTONE/EPA Chile's Presidency/CHILE'S PRESIDENCY / HANDOUT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 ottobre 2019 - 07:20
(Keystone-ATS)

Il presidente cileno Sebastián Pinera "ha chiesto perdono" ieri sera per non aver compreso la drammaticità della situazione sociale esistente in Cile, ed ha annunciato una serie di proposte per "una agenda sociale di unità nazionale".

In un discorso dal Palazzo della Moneda, Pinera ha detto di "aver ascoltato la gente", manifestando comunque preoccupazione per l'ordine pubblico e per il ritorno del Paese alla "normalità" dopo i disordini cominciati venerdì per l'aumento del biglietto della metropolitana, che hanno causato 15 morti.

Il capo dello Stato ha promesso di voler intervenire con dieci misure sociali, molte delle quali riguardanti le pensioni che sono fra le più basse del pianeta. Si interverrà inoltre per ridurre il costo della salute e dei farmaci, aumentare il salario minimo e creare una imposta sulla ricchezza.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.