Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un tribunale cileno ha disposto la confisca di tutti i beni appartenuti ad Augusto Pinochet (1973-1990) e nel frattempo ereditati dalla famiglia dell'ex dittatore.

La decisione fa seguito a una richiesta del Consiglio di Difesa dello Stato (CDE), che aveva ordinato l'espropriazione dei fondi ed immobili non inclusi nella sentenza della Corte suprema sul caso del Banco Riggs, per il quale Pinochet fu accusato di malversazione di fondi pubblici e che portò al sequestro di 1,6 milioni di dollari in beni.

La nuova risoluzione della giustizia colpisce dunque in pieno l'eredità, pari a 17,8 milioni di dollari, che l'ex generale aveva destinato ai suoi familiari, oltre a stabilire il divieto di alienazione sulla totalità dei beni lasciati alla vedova, figli e nipoti di Pinochet.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS