Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Brusca frenata dell'export in Cina: a dicembre cede il 6,1% su base annua (a 209,4 miliardi di dollari), mentre l'import sale del 3,1% (a 168,5 miliardi): il saldo commerciale si attesta a 40,82 miliardi di dollari, rispetto ai 44,61 miliardi del mese precedente.

A novembre le esportazioni, dopo un lungo digiuno, erano tornate positive (+0,1%), con le importazioni a quota +6,7%.

Dai dati diffusi dall'amministrazione delle Dogane, inferiori alle attese degli analisti, emergono segnali critici in vista delle possibili tensioni commerciali sotto la presidenza Usa di Donald Trump, visto che gli Stati Uniti costituiscono la prima fonte di attivo per l'interscambio cinese. Il tycoon, infatti, ha più volte detto di voler spingere le società americane a riportare in patria la produzione delocalizzata in Cina.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS