Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Alcuni cosiddetti "elementi contro rivoluzionari" vengono esposti alla gogna, l'8 gennaio 1967.

KEYSTONE/AP/ANONYMOUS

(sda-ats)

La Rivoluzione culturale fu un grave errore: lo ha affermato il Quotidiano del Popolo, l'organo ufficiale del Partito comunista cinese.

Il giornale ha preso posizione alla scadenza del 50/mo anniversario della "circolare del 16 maggio" del 1966 e ha rimandato alla "autorevole" conclusione raggiunta dal Partito nel 1981 sulla condanna dell'azione politica voluta da Mao Zedong.

Lo scopo di rivitalizzare la spinta rivoluzionaria, risoltasi nella eliminazione degli oppositori e nel decennio di "caos interno ed enorme disastro", causò "gravi danni, lasciando dolori permanenti a molti cinesi". Rifiutare del tutto i valori della Rivoluzione culturale "aiuterà la società cinese a restare vigile contro il pericolo di ogni genere di disordine".

Il Partito ha sempre evitato di tenere pubbliche discussioni sul tema, temendo di mettere a rischio la propria legittimità e di dare il via a critiche contro lo stesso Mao, fondatore dello Stato e la figura più riverita del Partito. Ieri l'anniversario non ha registrato alcuna manifestazione celebrativa ufficiale ed è stato di fatto ignorato dai media.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS