Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Terrore oggi a piazza Tiananmen, a Pechino, dove un'automobile con tre persone a bordo ha sfondato le barriere di sicurezza e si è schiantata, prendendo fuoco, sotto il ritratto del fondatore della Repubblica Popolare Mao Zedong, tra la folla: il guidatore ed i due passeggeri della vettura sono morti sul colpo, mentre due turisti - una donna filippina e un cinese, sono deceduti in ospedale. Trentotto persone sono rimaste ferite.

L'auto, una jeep bianca, ha percorso 400 metri e ha travolto le prime barriere prima di schiantarsi. "È stato veramente terrificante", ha detto un testimone. La polizia ha chiuso al traffico per alcune ore la piazza e ha avviato un'indagine. Due reporter dell'agenzia France Press hanno affermato di essere stati "brevemente detenuti" mentre cercavano di avvicinarsi alla piazza. Il loro materiale fotografico è stato sequestrato.

La dinamica dei fatti e le numerose foto comparse su Internet - e cancellate dopo pochi minuti come tutte le notizie e i commenti sull'accaduto - lasciano poco spazio all'ipotesi dell'incidente. La portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying, ha affermato in una conferenza stampa che il governo cinese "non ha informazioni dettagliate" sull'incidente. Di conseguenza, ha aggiunto, al momento non è in grado di dire se si sia trattato di un attentato o di un incidente. Commentatori su Internet non escludono che si sia trattato di una immolazione, cioè di un suicidio di protesta. Negli ultimi tre anni, 122 tibetani si sono immolati per protestare contro la politica della Cina verso il territorio e per chiedere il ritorno in patria del Dalai Lama, il leader religioso che vive in esilio dal 1959.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS