Navigation

Cina: accuse americane esprimono mentalità da guerra fredda

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 novembre 2010 - 12:30
(Keystone-ATS)

PECHINO - Il ministero degli esteri cinese ha replicato oggi ad un rapporto del Congresso degli Stati Uniti sulle capacità economiche e militari della Cina, che ritiene espressione di una "mentalità da guerra fredda".
Il rapporto ha anche accusato la compagnia statale China Telecom di un attacco informatico che avrebbe "sequestrato" il traffico su internet negli Usa per un breve periodo. La China Telecom aveva smentito la circostanza appena la notizia era comparsa sui media statunitensi mercoledì.
Il rapporto - ha scritto sul sito web del ministero il portavoce Hong Lei - "ignora i fatti, è intriso di una mentalità da guerra fredda e di pregiudizi politici". Il rapporto che accusa la Cina è stato redatto dalla China Economic and Security Review Commission, un organo consultivo del Congresso.
"Consigliamo alla cosiddetta commissione - ha aggiunto il portavoce - di smettere di interferire nella politica interna cinese e di dedicarsi ad attività più utili per la mutua comprensione e la cooperazione tra Cina e Stati Uniti".
Le relazioni tra Cina e Usa sono tese dall'inizio dell'anno, con scambi di accuse su temi che vanno dalla vendita di armi americane a Taiwan alla politica monetaria e commerciale, dai diritti umani al Tibet.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?