Navigation

Cina: amante di miliardaria perde causa per sua eredità

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 febbraio 2010 - 17:51
(Keystone-ATS)

PECHINO - L'eredità miliardaria di Nina Wang, la donna più ricca d'Asia, non andrà al suo amante segreto Tony Chan: un tribunale di Hong Kong ha ritenuto falso il testamento prodotto da Chan che lo indicava come erede di una fortuna di 13 miliardi di dollari.
"La corte ha trovato che il testamento del 2006 non fu firmato da Nina", ha detto oggi il giudice Lam Man-hon, stabilendo che le proprietà della donna, morta nel 2007, saranno affidate alla Fondazione di beneficenza Chinachem - che creò insieme al marito - gestita dalla sua famiglia. Il tribunale ha ritenuto autentiche le ultime volontà risalenti al 2002, che indicavano la holding come unico erede.
Tony Chan, sedicente maestro di feng shui (antica arte taoista) e amante segreto di Nina per 14 anni, sosteneva di essere in possesso di un testamento della donna che lo nominava suo unico erede. L'uomo ha annunciato che farà appello.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.