Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Secondo giorno, stesso copione per Bo Xilai, il leader cinese caduto in disgrazia che si sta difendendo vigorosamente davanti al tribunale di Jinan, nella Cina, orientale, dove è sotto processo per corruzione, appropriazione indebita e abuso di potere.

Proseguendo sulla strada intrapresa ieri, Bo ha continuato a respingere con sdegno tutte le accuse, definendo "pazza" la moglie Gu Kailai e liquidando come "cretinate" le accuse del suo ex-braccio destro Wang Lijun.

Gu e Wang sono stati già condannati - lei all'ergastolo per l'omicidio del faccendiere britannico Neil Heywood, lui a 15 anni per tradimento e corruzione - e sono tra i principali accusatori di Bo Xilai insieme all'imprenditore Xu Ming, che ha testimoniato ieri.

Oggi Gu Kailai è comparsa in un video, nel quale ripete quanto già dichiarato al suo processo, che si è tenuto un anno fa, cioè che Bo sapeva dei suoi movimenti finanziari, tra cui l' acquisto di una villa in Francia che sarebbe alla base dei suoi dissapori con Heywood e che sarebbero costati la vita al faccendiere. Sia Bo Xilai che i suoi avvocati hanno sottolineato l' "instabilità psicologica" di Gu Kailai e la vaghezza delle circostanze riferite da Wang.

Il processo è stato aggiornato a domani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS