Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La polizia cinese ha arrestato più di 110 persone sospettate di aver venduto carne proveniente da maiali ammalati, in quello che si configura come un nuovo grave scandalo alimentare. I media locali riferiscono che sono state sequestrate più di mille tonnellate di carne avariata, oltre a 48 tonnellate di olio prodotto con la stessa carne.

In un comunicato diffuso oggi, il ministero della Pubblica sicurezza di Pechino precisa che l'operazione ha coinvolto 11 provincie.

I responsabili avrebbero agito con la complicità di alcuni assicuratori, che li avvertivano quando i maiali ammalati morivano, permettendo loro di offrire prezzi concorrenziali agli agricoltori. Ottenuta la carne avariata, i criminali avrebbero poi prodotto della pancetta e da questa avrebbero ricavato l'olio. Degli arrestati, 75 sono già stati incriminati, aggiunge il ministero.

In Cina gli scandali alimentari sono frequenti. Il più grave rimane quello che si è verificato nel 2008, quando fu scoperto che uno dei più diffusi latte in polvere per neonati era contraffatto e pericoloso per la salute dei piccoli.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS